Amputazione delle dita nel diabete

Il diabete comporta molte complicazioni. Questi includono il deterioramento generale delle gambe. Il risultato può essere l'amputazione totale o parziale di un arto. A volte solo il dito, il piede o una parte della gamba, e talvolta l'intera gamba, sono soggetti ad amputazione..

Per qualsiasi diabetico, è molto importante prevenire tale complicazione, poiché ciò preserva la mobilità della persona, rendendola il più indipendente possibile dagli altri. Se l'amputazione non può essere evitata, è necessario tenere conto di alcune caratteristiche e seguire i principi di base che possono aumentare l'aspettativa di vita dopo l'amputazione delle gambe nel diabete.

Le cause

Perché gli arti inferiori sono amputati nel diabete? A causa di disturbi metabolici nel corpo di un diabetico, si verifica un malfunzionamento del sistema vascolare, che provoca lo sviluppo della malattia ischemica. L'amputazione delle gambe nel diabete è necessaria anche perché:

  1. Le terminazioni nervose della gamba sono così danneggiate che perde la sua vitalità.
  2. Grave danno al sistema vascolare della gamba.
  3. Il verificarsi di processi necrotici che possono portare alla formazione di fenomeni cancrenosi.

Da soli, questi motivi non sono in grado di diventare un verdetto per un diabetico e un incentivo a prendere una decisione sulla rimozione di una gamba o della sua parte. Il motivo principale che è una conseguenza di tutto quanto sopra è l'attaccamento dell'infezione e l'incapacità del sistema immunitario di combatterlo.

A causa della necrosi delle strutture dei tessuti con cancrena, le sue conseguenze rappresentano un pericolo estremo per i diabetici. L'ingestione di tossine derivante dalla rottura del tessuto porta allo sviluppo di complicanze molto gravi della condizione di un paziente con diabete.

Queste complicazioni includono:

  • la presenza di letargia;
  • inibizione delle reazioni;
  • cardiopalmus;
  • riduzione della pressione;
  • rapido aumento della temperatura;
  • cambiamento delle caratteristiche di colore della pelle nella zona del viso;
  • perdita di appetito.

Nel caso in cui il paziente non riceva aiuto, esiste la probabilità di sviluppare una grave malattia del sangue infettivo. La durata della vita successiva può essere di diverse ore..

Le misure terapeutiche in questo caso sono ridotte alla rianimazione del paziente. Pertanto, l'amputazione sulla rimozione degli arti eseguita in tempo è la condizione più importante per salvare un diabetico dalla morte. L'amputazione è talvolta indicata per altre indicazioni..

effetti

L'amputazione di un arto è una procedura traumatica molto complessa. Tale operazione è impossibile senza ulteriore supporto farmacologico del corpo. Inoltre, quando si eseguono procedure terapeutiche dopo l'intervento chirurgico, è impossibile senza il sollievo del dolore con l'aiuto di anestetici e analgesici. La sindrome del dolore scompare dopo la completa guarigione della ferita. Allo scopo di eliminare a breve termine il dolore nel periodo postoperatorio, viene prescritta la somministrazione di farmaci non ormonali che possono alleviare l'infiammazione.

Con il verificarsi costante di dolori fantasma prolungati e gravi nella regione dell'arto amputato, vengono prescritti fisioterapia, procedure di massaggio e così via.

Un punto importante dopo l'amputazione delle gambe nel diabete è la prevenzione dell'atrofia muscolare. Dovrebbe essere chiaro che qualsiasi procedura avviata in tempo avrà un effetto positivo, mentre l'inizio del processo di atrofia è abbastanza difficile da fermare e invertire.

Le complicanze dell'amputazione includono anche la manifestazione di un ematoma situato sotto la pelle. Solo un chirurgo che interrompe correttamente l'emorragia durante l'intervento chirurgico può prevenirne la comparsa. Per eseguire il lavaggio della ferita, vengono installati i tubi, che vengono rimossi dopo mezza settimana. L'eliminazione della contrattura muscolare può essere ridotta all'applicazione del materiale di gesso nella zona del ginocchio e all'implementazione precoce della ginnastica necessaria.

È possibile rimuovere la depressione e migliorare l'umore dopo l'intervento chirurgico con antidepressivi. Per alleviare il gonfiore dell'arto, utilizzare uno speciale dispositivo di bendaggio.

Amputazione del dito dell'arto inferiore

L'amputazione delle dita nel diabete si verifica quando esiste una minaccia per la vita del diabetico e non esiste la possibilità di trattare il tessuto interessato con altri metodi. La presenza di un piede diabetico diventa spesso la causa principale della morte del paziente e l'amputazione consente di fermare lo sviluppo della malattia e salvare la vita del paziente.

Questo tipo di operazione è la più innocua, poiché l'assenza di un dito non è in grado di esercitare una forte influenza sul funzionamento del piede completamente. Ma se tale operazione non viene eseguita in tempo, la necrosi tissutale e l'intossicazione del corpo possono diffondersi alle strutture tissutali vicine e l'area interessata aumenterà notevolmente. Il danno alle dita cancrenose nel diabete è una complicanza comune, ma non può essere limitato a un solo dito..

Nel processo di amputazione, i medici cercano di mantenere una parte sana del dito. In particolare, una persona ha bisogno di un pollice e un secondo dito. Con la loro completa rimozione, ci sono disturbi nel funzionamento dell'intero piede.

L'amputazione delle dita può essere di tre tipi:

  1. Primaria: viene eseguita in una fase avanzata dello sviluppo della malattia;
  2. Il secondario viene effettuato dopo l'istituzione della circolazione sanguigna o a causa della mancanza di efficacia nel trattamento dei farmaci.
  3. Ghigliottina. Ci ricorrono quando il paziente si trova in una condizione estremamente grave. In questo caso, tutte le strutture tissutali interessate con la cattura di tessuti sani sono soggette a rimozione..

In presenza di cancrena piangente, viene eseguito un intervento chirurgico urgente, con pianificazione a secco.

Dopo l'amputazione del dito degli arti inferiori nel diabete, la prognosi è generalmente favorevole. In questo caso, la condizione principale è la tempestività dell'operazione e il corretto corso di riabilitazione. In caso contrario, il paziente potrebbe essere a rischio di reinfezione..

reinserimento

L'obiettivo principale perseguito dalla riabilitazione dopo l'amputazione delle gambe è quello di evitare l'insorgenza di fenomeni infiammatori nell'area di intervento.

Dalla cura dopo la rimozione della gamba sopra il ginocchio dipende se la malattia gangrenosa continuerà a progredire. A tal fine, sono necessarie costanti medicazioni e trattamento antisettico del moncone residuo. Se queste regole non vengono seguite, esiste la possibilità di infezione secondaria.

Per aumentare l'aspettativa di vita dopo l'amputazione della gamba, è necessario assicurarsi che non vi siano gonfiore dell'arto, lesioni ripetute e infezione, poiché ciò può contribuire allo sviluppo di gravi complicanze postoperatorie.

Si consiglia di seguire una dieta, procedure di massaggio sulla parte superiore del moncone.

Se non viene effettuato uno sviluppo tempestivo della gamba, possono verificarsi violazioni delle articolazioni e di altri sistemi motori. A tal fine, al paziente vengono prescritti speciali esercizi di miglioramento della salute, massaggi.

A partire dal primo periodo postoperatorio, è necessario prepararsi per le misure di riabilitazione e imparare a camminare senza l'aiuto di altri..

Il compito principale delle misure di riabilitazione per ripristinare la gamba di un diabetico dopo l'intervento chirurgico è quello di ripristinare la forza muscolare. È indispensabile ripetere tutti gli esercizi ogni giorno; il tono muscolare completamente ripristinato è la chiave per le protesi.

Il recupero postoperatorio comprende:

  1. Fisioterapia, composta da molte procedure. Questi includono: trattamento ultravioletto, ossigenoterapia e baroterapia.
  2. Esercizi di fisioterapia, esercizi di respirazione.
  3. Esercizi di moncone.

Speranza di vita dopo l'amputazione

La più grande percentuale di diabetici pone ai lettori la domanda su quanto vivono dopo l'amputazione delle gambe nel diabete. Nel caso in cui l'intervento chirurgico sia stato eseguito in tempo, l'amputazione non rappresenta alcun pericolo per il paziente.

Dopo un alto taglio delle gambe sopra l'area femorale, i diabetici non sono in grado di vivere a lungo. Muoiono spesso entro un anno. Le stesse persone che sono state in grado di superare se stesse e hanno iniziato a utilizzare la protesi vivono tre volte più a lungo.

Dopo l'amputazione della parte inferiore della gamba senza un'adeguata riabilitazione del periodo, oltre l'1,5% dei pazienti muore, un'altra parte deve essere ri-amputata. I diabetici che sono in protesi muoiono a volte meno. Dopo l'amputazione del dito e le resezioni del piede, i pazienti sono in grado di vivere una lunga vita.

L'amputazione delle gambe è una procedura spiacevole con molte conseguenze negative. Al fine di prevenire lo sviluppo di malattie e patologie che portano all'amputazione, è necessario monitorare attentamente l'indicatore quantitativo delle molecole di zucchero nel sangue.

Diabete mellito: perché porta all'amputazione e come evitarlo?

Ma, per fortuna, la maggior parte dei diabetici ha l'opportunità di evitare queste terribili conseguenze. Tuttavia, per questo dovranno lavorare un po '.

Il nostro esperto è Alexander Parkhomenko, candidato alle scienze mediche, endocrinologo, direttore della School of Diabetes al Policlinico n. 102 di Mosca.

Punto di vulnerabilità

In caso di diabete mellito, in connessione con un livello prolungato di glucosio nel sangue, nelle estremità inferiori, come in qualsiasi altro organo, si verificano danni vascolari e nervosi. In poche parole, sono un po '"zuccherati". Allo stesso tempo, qualsiasi sensibilità (dolore, temperatura, tattile, vibrazione) è ridotta nelle gambe. In questo contesto, anche le lesioni più lievi ai piedi (contusioni, crepe, calli, abrasioni, sbavature, danni dovuti a un taglio impreciso delle unghie) possono portare a gravi problemi.

La situazione è aggravata dal fatto che molte lesioni spesso passano inosservate e quando il paziente raggiunge il medico, la malattia è già al suo apice. Dopo che l'abrasione a cui l'infezione si è unita aumenta di dimensioni, diventa molto più difficile trattarla. Un'ulcera infetta provoca un aumento della glicemia, che a sua volta ha un effetto negativo sulla guarigione..

Di conseguenza, si verificano ulcere del piede, ferite croniche, non curative, purulente, lesioni ossee infettive (osteomielite) e, infine, cancrena. La mancata adozione di misure efficaci nel tempo può comportare l'amputazione delle gambe..

Janus bifronte

A seconda di ciò che è maggiormente interessato: vasi o nervi, la malattia ha due varietà.

Piede ischemico - una malattia in cui soffrono principalmente le navi. Per un tale piede diabetico, i seguenti sintomi sono caratteristici:

● la pelle del piede e della parte inferiore della gamba è fredda;

● la pelle è pallida o chiazzata / marmo / colore;

● non è presente l'attaccatura dei capelli nella parte inferiore della gamba;

● il paziente si lamenta del dolore che si manifesta durante la deambulazione (claudicatio intermittente) e nelle fasi successive il dolore persiste anche a riposo;

● ulcere dolorose si verificano sul bordo del piede, sulla punta delle dita e nel tallone.

Se i vasi, ma i nervi sono principalmente colpiti, la malattia si chiama piede neuropatico.

in cui:

● piede caldo o caldo al tatto;

● Ci sono dolori di cucitura o bruciore alle gambe (più a riposo, di notte);

● diminuire e in futuro non ci sono tutti i tipi di sensibilità degli arti inferiori (dolore, tattile, vibrazione, temperatura). Questa condizione favorisce il verificarsi di lievi lesioni alla pelle, ustioni;

● c'è ipercheratosi (cheratinizzazione della pelle) sul piede in aree ad alta pressione;

● si verificano ulcere del piede indolore.

Esiste anche una specie di piede neuropatico, in cui si sviluppano cambiamenti nelle strutture ossee dell'arto: questo è il cosiddetto piede osteoarthropatico (piede di Charcot). Come risultato di tali cambiamenti, i pazienti possono sperimentare fratture spontanee, pronunciate deformazioni ossee e successivamente ulcere non cicatrizzanti si sviluppano sul piede.

Se ti trovi con uno dei sintomi elencati, devi urgentemente contattare uno specialista nell'ufficio del piede diabetico, dove verrà eseguito un esame per identificare la natura e l'estensione delle lesioni, nonché raccomandazioni per il loro trattamento.

Per non allungare le gambe

Prima di tutto, è necessario normalizzare lo zucchero nel sangue, condurre esami regolari (misurare la sensibilità alle vibrazioni, tattile e della temperatura degli arti inferiori, idealmente ad ogni visita dal medico) e seguire le regole per la cura dei piedi e trattare tutti i difetti in tempo.

I medici hanno analizzato vari casi di sindrome del piede diabetico. Di conseguenza, hanno identificato le cause immediate della cancrena e sulla base di questo sviluppato regole speciali per la cura dei piedi. L'applicazione di queste regole nelle persone con lesioni iniziali esistenti delle gambe ha ridotto del 80% il numero di amputazioni.

Regole fondamentali:

● Lavare i piedi ogni giorno con acqua calda, quindi pulirli con un asciugamano morbido, senza dimenticare gli spazi interdigitali.

● In caso di pelle cornea, trattare tali aree con una pietra pomice. Non usare mai una lama o delle forbici per questo scopo..

● Per la pelle secca dei piedi dopo il lavaggio, lubrificarli con una crema per i piedi audace, escludendo le aree degli spazi interdigitali.

● Elaborare con cura le unghie: tagliarle diritte senza arrotondare gli angoli, ma piuttosto archiviarle con una lima per unghie.

● Ispezionare quotidianamente i piedi per evitare danni, crepe e abrasioni. Ispeziona comodamente la suola con uno specchio posizionato sul pavimento.

● Sostituire calze e calze tutti i giorni.

● Per riscaldare i piedi, utilizzare calze calde senza elastico stretto, non un cuscinetto riscaldante o acqua calda, poiché le ustioni possono provocare ustioni..

● Ispeziona quotidianamente le scarpe: se contiene oggetti estranei, se la soletta è avvolta. Tutto ciò può portare all'abrasione della pelle dei piedi, che non dovrebbe essere consentita..

● Non camminare mai a piedi nudi e non indossare scarpe a piedi nudi.

● Scegli le scarpe giuste nel negozio. Non comprare scarpe strette e strette. Se la sensibilità è ridotta, fai shopping con una stampa in cartone del piede (soletta in cartone).

● Fai esercizi vascolari ogni giorno per gambe e piedi.

● Scarpe allacciate correttamente: l'allacciatura deve essere parallela.

● In caso di infezione fungina delle unghie o della pelle dei piedi, devono essere utilizzati speciali agenti antimicotici..

● Se la pelle è danneggiata (crepa, graffio, taglio), utilizzare soluzioni antisettiche incolori per l'elaborazione.

● Per lesioni del piede non cicatrizzate, consultare immediatamente un medico.

A proposito

Ancora una volta per la scrivania. È importante che fin dai primi giorni del diabete mellito il paziente abbia la giusta idea di cosa fare per evitare spiacevoli conseguenze, perché il successo della lotta contro possibili complicanze del diabete dipenderà dalle sue azioni regolari corrette.

Al momento, un gran numero di studi sul controllo del diabete sono stati condotti nel mondo. Tutti hanno dimostrato che le complicazioni del diabete possono essere evitate e vivono come una persona sana, ma solo a condizione che il paziente stesso impari a gestire il diabete, a convivere con esso nel mondo e a mantenere lo zucchero nel sangue a un livello normale. Tutto questo può essere appreso alla SCUOLA DEL DIABETE. Tali scuole esistono nelle grandi città, di solito sulla base di cliniche e centri medici. L'istruzione è completamente gratuita. L'indirizzo può sempre essere ottenuto dall'endocrinologo di distretto. Ci sono scuole online dove puoi anche ottenere tutte le informazioni necessarie..

Importante

La sindrome del piede diabetico è solo uno degli anelli della catena in cui il diabete cerca di legare i suoi prigionieri, pertanto, oltre alle regole per la cura dei piedi, le raccomandazioni di altri medici devono essere seguite rigorosamente.